0

Fire: si può usarlo a scuola?

Visto il prezzo più che abbordabile, non ho resistito alla tentazione di chiedere a Babbo Natale di portarmi un Fire di ultima generazione, la quinta, anche per provare a capire se è possibile pensare di ipotizzarne un uso a scuola.

Il Fire arriva in una confezione snella, che però contiene anche cavo usb e presa per la ricarica.

FullSizeRender

Una volta acceso, scopro che è già configurato per l’accesso all’account Amazon di chi l’ha acquistato (Babbo Natale, sei stato sgamato ;-P), anche se si può cambiare. Questo da una parte è comodo perché ci si trovano già tutti gli ebook e gli acquisti digitali fatti su Amazon, dall’altra richiede molta attenzione perché comunque un account Amazon è collegato ad una carta di credito.

Ho quindi cercato le impostazioni potenzialmente più critiche nel momento in cui si volesse dare in mano ai ragazzini il device, iniziando dall’App-shop preinstallato (si chiama così in italiano, con una brutta traduzione di App store).

Le impostazioni e i menu si attivano in tutte le app scorrendo dal bordo sinistro verso destra con un dito.
Da dentro l’App-shop ho fatto comparire il menu e cliccato su Impostazioni per:
– disabilitare acquisti in app
– settare “non aprire su link commerciali esterni”

Dalla pagina Libri, ho disabilitato nella libreria:
– tutte le notifiche push (consigli, unlimited, offerte, download) tramite il selettore in alto

Purtroppo non ho trovato come disabilitare l’acquisto di libri e di giochi con un click (vale però per tutte le sezioni il blocco degli acquisti in-app, ed esiste la possibilità di scaricare dalla sezione underground giochi ed app gratuiti), ma la ricerca è ancora aperta.

Dal momento che vorrei adottare le Google App for Education nella mia scuola, ho cercato di capire se e come installare (senza modificare il root), le App di Google e il Google Play.

La prima cosa da fare è attivare la modalità sviluppatore dall’applicazione Impostazioni (icona rotella dentata) -> impostazioni del dispositivo, scorrere fino ad individuare il numero di serie. Toccare più volte sul numero di serie fino a che non appare la voce “opzioni sviluppatore”. Selezionare la voce “opzioni sviluppatore” e attivare la modalità ADB che consente il debug tramite usb. Confermare la scelta sul popup che compare.

Uscire dal sottomenu e partendo dalla schermata principale delle Impostazioni scorrere fino alla voce Sicurezza. Entrare e, fra le impostazioni avanzate, attivare “Applicazioni da sorgenti sconosciute” e confermare con OK la scelta.

Aprire lo shop Amazon e scaricare l’applicazione ES File Explorer:

Screenshot_2015-12-27-22-56-15

Aprire l’applicazione, scorrere con un dito da sinistra a destra per far comparire le barra delle impostazioni, e dare Aggiungi

Screenshot_2015-12-27-22-56-51

Digitare nel popup che compare:

Path: http://dwl.gadgetsxray.com
Name: Google play

Cliccare su Aggiungi

Screenshot_2015-12-27-22-47-47

 

Nella finestra che viene caricata, cliccare sul primo link:
Download Google Apps e aspettare che carichi.
Toccare su ognuno dei quattro elementi per scaricare i file .apk

Una volta completati i download, aprire la cartella scorrendo da sinistra a destra a partire dal lato sinistro. Installare nell’ordine:

Google Services Framework
Google Play Service
Google Account Manager
Google Play Store

Screenshot_2015-12-27-23-14-19

Una volta concluse le installazioni, aprire Google Play Store e inserire username e password dell’account Google che si intende utilizzare nel dispositivo.

Se non si vuol correre rischi di spese impreviste, scegliere “Non ora” quando viene richiesto il numero di carta di credito.

Dal Play Store è possibile scaricare e installare tutte le app disponibili, spazio permettendo.

Oltre alle già note Google Apps, per un uso a scuola è interessante anche la possibilità di installare Chromecast e trasmettere lo schermo del Fire in mirroring, se si ha l’omonimo dispositivo per lo streaming multimediale o un dongle compatibile a disposizione (e una connessione wi-fi):

Senza titolo 24

Per disconnettere lo schermo, basta entrare di nuovo in Chromecast e toccare su “Tocca per disconnettere”.

Screenshot_2015-12-27-23-55-17

 

Come prima impressione d’uso, nonostante la fotocamera non eccelsa (come da recensioni del resto) nel complesso il Fire per un uso semplice e in ottica di utilizzo delle Google Apps può essere promosso pur presentando molte criticità:

– è un dispositivo che costa poco perché Amazon si propone di ripagarlo con le vendite, quindi è strutturato per invitare agli acquisti a partire dalla schermata di blocco, che comunque sembra presentare solo (invitanti) offerte relative ad accessori per il Fire;

– il sistema operativo richiede l’installazione di antivirus e il controllo dei contenuti scaricati;

– gli acquisti con un click non consentono di lasciarlo usare liberamente, ma solo sotto la stretta sorveglianza dell’insegnante e con indicazioni precise, possibilmente non con un account personale o della scuola ma con quello di un genitore.

Per ulteriori esperienze d’uso dovrò aspettare di tornare a scuola, portarmi la Chromecast e fare una prova con il videoproiettore (e i ragazzi)! 😉